2.7 C
Genova
lunedì, 22, Aprile, 2024
spot_img

Basanotto, il liquore ligure nato dal lockdown è già un successo

È dai momenti di crisi e inattività che nascono le idee più geniali e di successo. Lo scriveva anche Einstein, non proprio l’ultimo arrivato:

“La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”

Ed è vero dappertutto, anche in Liguria. Qui per esempio, proprio durante il lockdown, è nato il Basanotto, un nuovo liquore tipico ligure a chilometro zero, con sentori tipici del territorio e prodotto con materie prime Liguri e Genovesi. Il liquore, entrato nel mercato intorno a maggio del 2021 e nato dall’idea di Andrea Falzone, Enrica e Andrea Vacca, già ad agosto è il liquore più in voga del momento: la produzione al momento sfiora le 6mila bottiglie al mese.

Il Basanotto è prodotto e imbottigliato a Cengio da Origine Liquori Valle Bormida nell’hinterland Savonese, per conto della Vacca Andrea & C., agenzia di rappresentanza genovese con esperienza decennale nel settore. Ma perché il nome Basanotto? È questa la domanda che molti si pongono. Il segreto del nome è negli ingredienti del liquore: BA-silico, SA-lvia e Chin-OTTO. Il Basanotto è fatto così, macerando il miglior basilico Genovese DOP, salvia Bio, scorze di Chinotto di Savona presidio Slow Food di Parodi, limone Bio, zucchero di canna Bio ed altri aromi naturali Bio (cannella, pepe nero, vaniglia…), in acqua minerale della Fonte Bauda di Calizzano. Una flagranza unica per un liquore da 25 gradi, racchiuso in una bottiglia di 70 cl.

Dopo una macerazione di 30 giorni degli ingredienti in una miscela a temperatura ambiente di acqua e alcool, ad esclusione di salvia e basilico con macerazione di 10 giorni, il Basanotto viene filtrato e fatto riposare per 10 giorni e poi nuovamente filtrato ad alta pressione per renderlo limpido. Una volta imbottigliato, è necessario attendere 10 giorni per la ricomposizione molecolare degli aromi ed essere pronti per berlo.

Ma come si degusta il Basanotto? In molti modi. Liscio, con ghiaccio oppure mixato per creare tanti cocktail fantasiosi.

  • Basano Tonico: in un bicchiere di ghiaccio aggiungere una parte di Basanotto + 2 parti di acqua tonica, guarnire con foglie di menta o basilico
  • BasHugo: in un bicchiere di ghiaccio aggiungere una parte di basanotto + 2 parti di prosecco + 2 parti di soda (o acqua frizzante) e guarnire con foglie di menta o basilico
  • Basito: pestare sul fondo del bicchiere limone, menta e poco zucchero di canna, aggiungere ghiaccio, un cucchiaino di limone e 5 cl di Basanotto. Colmare il bicchiere con acqua frizzante e mescolare

Related Articles

Stay Connected

63FansLike
84FollowersFollow
42SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles