12.5 C
Genova
martedì, 16, Aprile, 2024
spot_img

Il Torchio – Vini Rock’n’roll!

Le terre di confine hanno un fascino particolare. Ancora di più se percorrendo quelle strade tra Liguria e Toscana si arriva in un luogo che sa di casa, un luogo come Il Torchio. Siamo a Castelnuovo Magra, qui il mare è in linea d’aria a pochi chilometri, a pochi passi le Alpi Apuane. Una posizione che inevitabilmente influenza l’agricoltura.

Il paese di Castelnuovo Magra in alto, le vigne del Torchio in primo piano


Gilda ed Edoardo ereditano improvvisamente nel 2012 le vigne dal nonno Giorgio che, già dalla fine degli anni ’70, fu uno dei pionieri e promotori dei Colli di Luni. Il primo anno decidono di imbottigliare e poi si ritrovano davanti al difficile quesito: vendere l’azienda o cambiare i piani e prendere in mano le redini dell’attività di famiglia? La risposta è, per nostra fortuna, la seconda.

Dal 2012 Il Torchio cambia, si evolve e a loro si unisce anche Alessandro, il marito di Gilda, tornato da Londra dove faceva il sommelier.

 

Oggi Gilda, Edoardo e Alessandro coltivano 5 ettari di vermentino, moscato, sauvignon, sangiovese, merlot, syrah, uve che crescono in un suggestivo anfiteatro naturale che guarda al mare, da le spalle ai monti ed è sempre ventilato. Questo caratterizza fortemente i vini che ereditano calore e sapidità per la presenza della brezza marina, freschezza e beva grazie all’aria delle montagne e alla forte escursione termica.

L’idea del Torchio è chiara: viticultura sostenibile, a pochissimo impatto ambientale, vinificazioni artigianali e senza artifici enologici. Il vino si fa in vigna, dove il terreno viene lavorato solo per le semine.

Le fermentazioni sono rigorosamente spontanee, le macerazioni più o meno lunghe, anche con grappoli interi. La diraspatura è manuale, per le vinificazioni a volte si decide di usare l’acciaio, a volte l’anfora e altre legno.

 

La scelta di come realizzare il vino è valutata ogni anno, sulla base di quello che la natura dona e sulla base dei loro progetti. Insomma, idee giuste, visione comune ma anche grande entusiasmo e voglia di fare. Menzione d’onore per etichette di Lunatica, Logorroico e Stralunato che rispecchiano in pieno lo stile de Il Torchio. Molto Rock’n’Roll.

IL VINO
Lunatica 2019 – Il Torchio

Selezione delle uve Vermentino, diraspatura manuale. Una prima macerazione carbonica per 2/3 giorni e ulteriore macerazione di 6 mesi in giara di terracotta. Torchiato manualmente e fatto riposare altri 3 mesi in legno in barrique esauste. Nessuna chiarifica, ne filtrazione. Un capolavoro, ormai quasi introvabile (ahimè). Ah, riconoscimento Top Wine, Vino Slow per la guida Slow Wine 2022!

Il Torchio

Via Provinciale, 202
19033 Castelnuovo Magra (SP)
pagina Facebook

Elena Benacchio
Elena Benacchio
I miei colori preferiti? Giallo ambrato, rosso rubino e rosa chiaretto, ma sono di gusti difficili. Da buona genovese e sommelier spesso mi lamento quando il vino non è a temperatura. Il mio mantra? Non fidatevi di una persona che non ama il vino. Affascinata dalle esperienze dei produttori e dalla loro capacità di dare valore al territorio, amo andare alla ricerca di storie da raccontare e vini da assaggiare.

Related Articles

Stay Connected

63FansLike
84FollowersFollow
42SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles