25.8 C
Genova
venerdì, 22, Luglio, 2022
spot_img

Guida alle migliori gelaterie della Liguria 2022

Non è estate senza gelato. Meglio, molto meglio se artigianale. In Liguria sono molte le gelaterie di qualità. In questa guida abbiamo chiesto a tutti i redattori di Basilico (e a qualche esperto sul posto) di indicarci le migliori gelaterie della Liguria. Il risultato è questa guida con 26 indirizzi preziosi, sparpagliati lungo tutto l’arco della regione, ed elencati secondo l’ordine alfabetico del comune.

Perlecò (Alassio)
Gelateria attiva dal 2014. È anche pasticceria senza glutine. Lavorano esclusivamente prodotti stagionali e di primissima qualità, a partire dal latte e la panna, di Frascheri. Il nome? In dialetto significa “leccarsi i baffi”.
Il gusto da non perdere: gelato ai baci di Alassio
Alassio – via Torino, 46

Alberto Marchetti il Gelato (Alassio)
Uno dei nomi più conosciuti a livello italiano in fatto di gelato, presente anche ad Alassio dal 2012. Il gelato proposto è sempre fresco, lavorato e mantecato ogni giorno nei laboratori a vista.
Il gusto da non perdere: cioccolato bianco al caramello e sale
via XX Settembre, 48 – Alassio

Casa del Gelato (Albenga)
Storica gelateria, guidata da Roberto Galligani. Solo prodotti di stagione, e piccoli fornitori fidati, per un gelato di qualità.
Il gusto da non perdere: yogurt greco con miele e croccante di sesamo 
Albenga – viale Martiri della Libertà 108

Agrigelateria Dalpian (Albisola Marina)
Luca Dalpian è un maestro nel trasformare la frutta ligure in sfiziosità sottovetro. Da alcuni anni si dedica anche ai gelati, selezionando le migliori produzioni liguri per fare ottimi gelati, come quello allo sciroppo di rose di Tiglieto o ai mandarini di Albissola.
Il gusto da non perdere: fior di latte di stalla di Rossiglione
Via Cristoforo Colombo, 7 – Albisola Marina

Agrigelateria Brigné (Bardineto)
Dall’azienda agricola – stalla, allevamento, caseificio e vendita, tutto nello stesso edificio – al cono gelato, è un attimo. Il loro motto “L’avete mai mangiato un gelato fatto con latte che 24 ore prima era erba?“.  Se il latte è a metri zero, anche gli altri ingredienti sono ricercati attraverso una rete locale.
Il gusto da non perdere: gelato al lampone
Piazza Libertà, 15 R – Borghetto Santo Spirito
Via Cesare Battisti, 5 – Bardineto

Universo del Gelato (Bordighera)
Tutte le mattine preparano il gelato nel loro laboratorio a vista. La trovate nel centro di Bordighera. Particolare attenzione viene dato al cioccolato, con numerose proposte. In carta anche gelati senza glutine.
Il gusto da non perdere: 
gelato al cioccolato
corso Italia, 21 – Bordighera

Pastorino (Calice Ligure)
Artigiani gelatieri dal 1942, sono un’assoluta certezza per la ricerca delle materie prime e la qualità di ogni gusto. Pochi ma buoni, nel segno della stagionalità. Da provare anche i ghiaccioli di frutta fresca.
Il gusto da non perdere: gelato al pistacchio di Bronte
via Vittoria Veneto, 37 – Calice Ligure

Gelateria Pinotto (Calizzano)
Gelateria attiva dal 1958, dapprima con Giuseppe «Pinotto» Riolfo e, quindi, con il figlio Paolo. Gelati di altissima qualità, che hanno ricevuto numerosi premi nazionali.
Il gusto da non perdere: gelato alle castagne (essiccate nei tecci di Calizzano)
piazza San Rocco, 16 – Calizzano

Bar Moderno (Campo Ligure)
Affacciato sulla piazza principale del bel borgo di Campo Ligure, questo bar offre qualità in ogni referenza. Anche nei gelati. Pochi gusti, selezionati, ma irresistibili, tra cui anche il cioccolato preparato con il cacao Van Houten
Il gusto da non perdere: 
fiordilatte
piazza Vittorio Emanuele II, 1 – Campo Ligure


Cremeria Spinola (Chiavari)
Tradizione e creatività (lampone e Campari, per esempio) trovano il perfetto equilibrio nei gusti di Matteo Spinola, per una professionalità riconosciuta in tutta Italia. Della cura per i particolari dicono anche i coni e le cialde, ottimi.
Il gusto da non perdere: Grazie Mille (crema all’uovo con mascarpone e scaglie di cioccolato)
corso Valparaiso, 118 – Chiavari

Gelato Pachamama (Chiavari)
Gelateria artigianale, piccola bakery e caffetteria con prodotti genuini, rispettosi dell’ambiente e con sviluppo sostenibile. Una bella filosofia che si traduce in gelati buoni per davvero. È stata aperta nel 2020.
Il gusto da non perdere: Croccantoni (gelato alla Mandorla con granelle di mandorle, Nocciole e arachidi pralinate)
via Preli, 1 – Chiavari

Profumo (Genova)
I Profumo hanno sono parte della storia dolce di Genova da due secoli. Nella sede originaria della pasticceria, da quasi vent’anni c’è la gelateria: pochissimi i gusti, ma cesellati fino alla perfezione. Maurizio Profumo è un maestro
Il gusto da non perdere: nocciola
vico Superiore del Ferro, 14/r – Genova

Gelateria Galata (Genova)
Gelateria e frutteria, di fronte al ristorante Il Genovese dei Fratelli Panizza, titolari anche di questa realtà. Frutta, macedonia, smoothies, e ovviamente gelati, con ingredienti dove possibile a km zero, selezionati con la cura che contraddistingue Roberto e Sergio Panizza.
Il gusto da non perdere: fiordilatte con il latte delle aziende agricole di Masone
via Galata, 32/r – Genova

Cremeria degli Artisti (Genova)
Questa gelateria, condotta da Andrea Valdettaro, era un punto di riferimento nel centro storico (in piazza delle Erbe) e ora lo è diventato per il quartiere di Marassi. Tanti gusti, classici e più particolari, di buona esecuzione.
Il gusto da non perdere: Coffee Ciock
corso Sardegna, 419r – Genova

Gelatina (Genova)
Martina Francesconi è salita alla ribalta nel 2020, quando il Gambero Rosso l’ha decretata “gelatiere emergente”. La sua gelateria nella via più prestigiosa di Genova  è uno spazio polivalente, dove la cultura del dolce e quella delle immagini si fondono in un’unica realtà.
Il gusto da non perdere: Acamante (mandorla della val di Noto, salvia e zest di limone)
via Garibaldi, 20/r – Genova


Romeo Viganotti (Genova)
Altro nome storico genovese, che nel 2014 ha aperto questa gelateria che ha almeno tre punti forti: il cioccolato, le sperimentazioni con tè e tisane, che gli permettono di estrarre anche i sapori più delicati, e i gelati al formaggio, per i palati più curiosi.
Il gusto da non perdere: 
salita del Prione, 10/r – Genova

Cremeria Sestri Gelato Naturale (Genova Sestri Ponente)
Oltre 30 gusti, per questa gelateria che fa della ricerca delle materie prime il principale vanto. Nella vaschetta, fantasia e tradizione, e gelati perfettamente mantecati. Molti prodotti sono bio.
Il gusto da non perdere: cioccolato al sale rosa dell’Himalaya e caramello
via Donizetti, 34/36 r – Genova Sestri Ponente

Tuttogelato (Imperia)
Caterina e Aldo Viazzi sono i titolari di questa gelateria in località Oneglia. Gusti classici, ma non solo, come dimostrano il gelato al gorgonzola e il gelato ai funghi porcini. Buoni i semifreddi.
Il gusto da non perdere: gelato all’oliva taggiasca
Galleria Isnardi, 4 – Imperia

Stella Marina (La Spezia)
Andrea e Ilaria gestiscono questa gelateria dal 2014. In questi anni, si sono affermati come la migliore gelateria della città, guadagnando numerosi premi, come il terzo posto nel concorso “Oscar internazionale del gelato artigianale coppa d’oro” con il gusto limone preparato con i limoni di Monterosso.
Il gusto da non perdere: gusto limone (di Monterosso)
via Giovanni Sforza, 15 – La Spezia

Nonna Papera (La Spezia)
Aperta nel 1997, questa gelateria propone gusti che ripropongono i sapori del territorio e della tradizione. Ottime anche le granite.
Il gusto da non perdere:
stracciatella
Corso Nazionale, 188 – La Spezia

Basilico e Limone (Levanto)
Gelateria artigianale che propone gusti ispirati alla tradizione gastronomica locale. Una ricerca maniacale delle materie prime, trasformate in ottimi gelati.
Il gusto da non perdere: gusto Sciacchetrà (crema all’uovo con passito Sciacchetrà)
via Giuseppe Mazzini, 9 – Levanto

U Magu (Pietra Ligure)
Aperta nel 1992, questa gelateria è un punto di riferimento con i suoi gusti che valorizzano i prodotti locali, come i chinotti di Savona e le albicocche di Valleggia.
Il gusto da non perdere: pinolo alla ligure
piazza Nicolò Castellino, 3 – Pietra Ligure

Bar Gelateria Gina (Sassello)
Nel paese degli amaretti, questo storico bar propone un ottimo gelato, con materie prime di qualità. Se non può mancare la versione fredda della gloria locale – l’amaretto appunto – da provare anche il gusto nero-nero e il gusto arancia e zenzero. La fondatrice, Gina Giacobbe, è scomparsa lo scorso febbraio a 93 anni.
Il gusto da non perdere: gelato all’amaretto
via Gerolamo Badano, 38 – Sassello

InSisto (Savona)
Il migliore gelato di Savona, realizzato da Attilio, gelatiere dal 2006, che ha aperto questa gelateria nel 2018. Un gelato fuori dal Comune, di alta qualità.
Il gusto da non perdere: gelato alle albicocche di Valleggia
via Manzoni, 23 – Savona

100% Naturale (Sestri Levante)
Gelateria artigianale gestita da Daniela e luca. Solo materie prime biologiche per la preparazione giornaliera di gelati e sorbetti, privi di coloranti, additivi e prodotti composti. Gelateria 100% senza glutine. Attenzione anche per i gusti vegani e per le intolleranze alimentari.
Il gusto da non perdere: fiordilatte con latte crudo di cabannina
via XXV aprile, 126 – Sestri Levante
via Bighetti, 3 – Chiavari


Giardini di Marzo (Varazze)
Gelateria pluripremiata. Addirittura Marco Venturino è stato celebrato come il miglior gelatiere al mondo 2022 secondo il “Gelato Festival World Ranking” promossa da Gelato Festival World Masters.
Il gusto da non perdere: Bocca di Rosa (gelato al cioccolato bianco e acqua di rose) 
piazza Dante Alighieri, 28 – Varazze